2017 prima edizione
CONVERSANO
23/24/25 giugno
Cibo locale, cibo globale
DESCRIZIONE
Want create site? With Free visual composer you can do it easy.

Quando è arrivato a Roma, un bel giorno di agosto, la città era deserta. “Ma dove sono tutti?” Si è chiesto Ejaz Ahmad, giornalista pachistano. “E’ una bella giornata, sono al mare!” Gli ha risposto serafica la moglie italiana Valentina. “E che fanno al mare?” “Prendono il sole”. Ejaz è rimasto di stucco: una bella giornata nei libri di poesie del Punjab, nei colorati film di Bollywood, è una giornata di pioggia, dal sole possibilmente si fugge. Solo dopo un anno e con un inverno lungo alle spalle, ha compreso l’amore sfrenato degli italiani per il caldo.

Anche sul cibo non sono mancate le sorprese per Ejaz, oggi mediatore culturale, insegnante, scrittore, attore, organizzatore di mille iniziative volte a valorizzare la multiculturalità. In Italia ha scoperto il pesce  dato che viveva in una pianura del Pakistan a 1400 chilometri dal mare. Ma soprattutto perché il cibo ha un significato completamente diverso in Asia: non è solo piacere del palato, non è solo riempirsi lo stomaco, ma serve a curare il corpo e lo spirito. In Pakistan per fortuna,  non si mangia la mucca perché è la madre dea, non si mangia il maiale perché è impuro ed il credo religioso si fonde con un pensiero positivo e razionale che salvaguarda il pianeta.    Ma un ruolo fondamentale lo giocano le spezie. Gli inglesi in India se ne innamorarono a tal punto da inventarsi il curry, una miscela di spezie adatta ai viaggi, da portarsi dietro nelle lunghe trasferte in Africa. Le spezie infondono alle pietanze  aromi che fanno impazzire dal piacere ma allo stesso tempo guariscono e prevengono mille mali: la curcuma con quel suo inconfondibile colore giallo arancio  è una mano santa per cervello e intestino; il cumino è digestivo è calmante;  il cardamomo capace di accelerare il metabolismo;  il coriandolo abbrustolito capace di placare il sistema nervoso;  lo zenzero bruciagrassi e antidolorifico e che dire ancora dell’anice stellata, della cannella, dei chiodi di garofano? Basta un pizzico di queste spezie, dosate alla giusta maniera e un bicchiere di yogurt si trasforma in un dolce a cinque stelle; un pugno  di lenticchie in un sontuoso piatto forte. Ejaz è un maestro di spezie e di sapori, racconterà storie e cucinerà piatti a base di riso basmati, pollo e verdure.

E non bisogna preoccuparsi se a volte ha un’espressione seria. Perché, come lui stesso racconta, gli indiani ridono quando sono arrabbiati. E vale la pena ascoltarlo a Lector in Tavola perché non è poi così vero che la globalizzazione ci ha reso tutti uguali. C’è ancora tanto da capire e da scoprire.

Marina Collaci

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.
CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO